video Nomads

Esposizione fotografica a TERRA EQUA

Continuiamo a portare in giro la mostra del viaggio didattico dell’anno scorso!!!
Questa volta saremo a Palazzo Re Enzo, in centro a Bologna nello spazio delle associazioni RaccattaRAEE e VisualZoo!

Sabato 26 e domenica 27 maggio, Bologna!

TUTTE LE INFORMAZIONI SU TERRA EQUA

La mostra racconterà per immagini le 4 tappe del viaggio 2010/2011 di Nomads Marocco:

Aglou place, Oasi di Akka e Bouzamma (Essaouira)

Dove ora rimangono attivi rispettivamente: un internet point giovanile (gratuito), 5 pc didattici per i corsi di educazione informale femminile e una sala informatica per le donne della cooperativa.

Oltre alle conoscenze scambiate che sono state: corso di italiano, di giocoleria per bambini, di fotografia, di alfabetizzazione informatica.

Vi aspettiamo per farvi vedere quello che abbiamo imparato noi! ;)

 

a presto!

 

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

Solidarietà e sostegno alla comunita quilombola brasiliana

La Casa de Cultura Taina, nucleo fondatore della Rete
Mocambos, rete di comunita quilombola, comunita’ di resistenza
afrodiscendenti brasiliane che usano e sviluppano tecnologie libere per
la propria struttura di comunicazione, chiede un amano a tutti noi..

Questo e’ il portale della rete: http://www.mocambos.net

In questo momento il Brasile, nuova potenza economica mondiale, percorre
un modello di sviluppo non sostenibile distruggendo le risorse naturali
e le popolazioni indigene, quilombola e altre comunita’ e culture locali.

Un fronte politico legato agli interessi dei grandi “fazendeiros” ha
lanciato una pericolosissima offensiva contro il diritto alla terra
sancito dell’articolo 68 della costituzione brasiliana:

“Ai discendenti delle comunità quilombola che stiano occupando le loro
terre e’ riconosciuta la proprieta’ definitiva, dovendo lo Stato
emettere i rispettivi titoli.”

Il Presidente del Supremo Tribunale Federale, STF, sta promuovendo
l’approvazione della richiesta di incostituzionalita’ del decreto di
attuazione 4.887/03 (ADI 3.239).

Per aderire alla campagna #quilombosim! fate pervenire la vostra
opinione ai giudici dell’STF:

Ministro Celso de Mello – Mcelso@stf.jus.br e Piazzi@stf.jus.br
Ministro Marco Aurélio – Mmarco@stf.jus.br e Edinezer@stf.jus.br
Ministro Cezar Peluso – Macpeluso@stf.jus.br e mpetcov@stf.jus.br
Ministro Ayres Britto – Sergio.mendes@stf.jus.br
Ministro Luiz Fux – gabineteluizfux@stf.jus.br
Ministro Dias Toffoli – gabmtoffoli@stf.jus.br
Ministro Gilmar Mendes – audiênciasgilmarmendes@stf.jus.br
Ministro Joaquim Barbosa – gabminjoaquim@stf.jus.br
Ministra Cármen Lúcia – audienciacarmen@stf.jus.br
Ministra Rosa Weber – Audiências-minrosaweber@stf.jus.br
Ministro Ricardo Lewandowski – atendimentogablewandowski@stf.jus.br

Seguone delle lettere di esempio in varie lingue.

Exma. Senhor(a) Ministro(a),

A ___________________________, preocupada com a defesa dos direitos
humanos, vem, por meio desta, manifestar-se sobre Ação Direta de
Inconstitucionalidade contrária ao Decreto 4887/2003, que regulamenta a
demarcação e titulação das terras quilombolas, pelo STF.

Na Quarta-feira (18 de abril) foi iniciado o julgamento pela Suprema
Corte da ação que julgará a Ação Direta de Inconstitucionalidade – ADI
3239, contrária ao Decreto 4887/2003, que regulamenta a demarcação e
titulação das terras quilombolas. A ação será decisiva para a luta por
efetivação de direitos baseados em princípios justiça, social, histórica
e cultural.

No ano de 2004, exatamente há 8 anos atrás, o partido Democratas (DEM)
moveu uma ação contra as comunidades quilombolas, ao alegar que o
Decreto Federal 4887/2003, assinado pelo ex-presidente Lula, que
regulamentou o processo de titulação das terras dos remanescentes das
comunidades de quilombos, era inconstitucional. Hoje, juntamente com a
bancada ruralista, o partido pretende a qualquer custo aprovar a Ação
Direta de Inconstitucionalidade – ADI 3239.

As comunidades quilombolas são grupos étnicos, predominantemente
constituídos pela população negra rural ou urbana, que se auto definem a
partir das relações com a terra, o parentesco, o território, a
ancestralidade negra relacionada com a resistência à opressão histórica
sofrida, as tradições e práticas culturais próprias. É patrimônio vivo
da nossa história e cultura do povo brasileiro e deve ser resguardado.

As comunidades quilombolas vêm lutando incansavelmente pela efetivação
de seus direitos, reconhecidos e assegurados pela Constituição de 1988,
como direito à demarcação e titulação das terras quilombolas e assim
direito à terra, e mais que isso, ao espaço em que possam exercer a sua
cultura, plantar, colher, pois mais que um bem econômico a terra é
memória, é autonomia, é identidade!

Ao decidir pelo direito dos Quilombolas, o STF estará fazendo o jus ao
reconhecimento dos direitos inerentes a esses grupos étnicos de cultura
e identidades próprias, ligados a um passado de luta, opressão e
resistência. Só assim poderemos caminhar na direção dos Direitos
Humanos, promovendo uma concepção de uma sociedade pluralista e pautada
pela igualdade, e assim daremos mais um passo para construção de uma
sociedade na qual a diversidade e o pluralismo são peças chaves para a
justiça, a liberdade e a solidariedade.

Após o voto do Relator Min. Peluzo no dia 18 de Abril pela
inconstitucionalidade do Decreto, a Min. Rosa Weber retirou o processo
do julgamento em face da complexidade do tema, de toda sorte, o processo
já retornou para a presidência do STF no dia 24 de abril, podendo entrar
em pauta para continuidade do julgamento a qualquer momento, neste
sentido, preocupados com os próximos votos dos Ministros/as do STF e com
a certeza de que não haverá retrocesso nos direitos das comunidades
quilombolas, solicitamos seu voto pela constitucionalidade do Decreto
4.887/03 em sua íntegra.

Atenciosamente,

_____________________________________

En español

Señor(a) Ministro(a),

La organización XXX preocupada con la defensa de los derechos humanos
….. viene por esta carta demonstrar nuestra oposición a la Acción
Directa de Inconstitucionalidad 3239 (ADI 3239) contra el Decreto
Federal 4887/03, que regula el procedimiento de demarcación y titulación
de los territorios de comunidades tradicionales quilombolas.

En la Quarta-feira (18 de abril) fue iniciado el juicio por la Suprema
Corte de la acción que juzgará la Acción Directa de Inconstitucionalidad
– ADI 3239, contrária al Decreto 4887/2003, que regulamenta la
demarcación y titulación de las tierras quilombolas. La acción será
decisiva para la lucha por la efetivación de los derechos fundamentados
en los princípios de la justicia social, histórica y cultural.

En el año de 2004, el Partido Democratas (DEM) presentó ante el Supremo
Tribunal Federal la ADI 3239. Hoy, junto con sectores rurales
conservadores, el DEM busca la declaración de inconstitucionalidad del
decreto. Tomamos conocimiento que en el día 18 de abril del 2012 el
Supremo Tribunal Federal inició la votación de la ADI 3239. Sabemos que
el resultado del juicio sera decisivo para la efectivación de los
derechos humanos, de la justicia social y para la preservación de la
historia y cultura de los quilombolas, realmente importantes para
nuestra historia.

Las comunidades quilombolas son grupos étnicos (culturalmente distintos)
predominantemente constituidos por poblaciones negras rurales. Ellos se
definen por sus particularidades culturales relacionadas con la tierra,
por su ancestralidad negra y, en especial, por sus conexiones con la
resistencia histórica a la esclavitud. Mas de dos mil comunidades de
quilombos están dispersas por el territorio brasileño. Estas comunidades
continúan vivas luchando por sus derechos, en especial por el derecho
constitucional de titulación de sus tierras.

Desde hace mucho tiempo las comunidades quilombolas luchan por la
efectivación de sus derechos a la tierra, reconocidos en la Constitución
Brasileña de 1988. La efectivación del derecho a la tierra está
relacionada con la propria manutención de la existencia de esas
comunidades, dada la relación que sus culturas tienen con esos espacios
tradicionales de vida. La tierra, para los quilombolas, tiene una
importancia para más allá de cuestiones económicas, es elemento
primordial de memoria, de autonomía y de identidad.

Decidiendo el Supremo tribunal Federal por la manutención de los
derechos de las comunidades quilombolas, estará haciendo justicia con la
historia de lucha por derechos de los quilombolas. Solo garantiendo los
derechos de los quilombolas se afirmará el respeto a una sociedad plural
e guiada por la equidad, donde sea posible construir una sociedad en la
cual la diversidad e el pluralismo son claves para la justicia, la
libertad y la solidariedad.

Después del voto del Relator Ministro Peluzo en el dia 18 de abril por
la inconstitucionalidad del Decreto, la Ministra Rosa Weber retiro el
proceso de juicio por la complexidad del tema, pero el proceso ya
retorno a la presidencia del STF. Así que se puede juzgarlo a cualquier
momento. En consecuencia, preocupados por los próximos votos de los
Ministros y Ministras y com la certidumbre de que no haberá retroceso en
los derechos de las comunidades quilombolas, solicitamos su voto por la
constitucionalidad del Decreto 4.887/2003 en su totalidad.

Atentamente,

_____________________________________

In English

The Organization XXX, worried with the defense of human rights, through
this letter, come to demonstrate our opposition referring to the Direct
Acion of Unconstitutionality against to the Federal Decree 4887/2003,
according to regulations of the demarcation and the entitling of the
quilombolas lands, by the STF.

On Wednesday (April 18, 2012) started the voting by the Supreme Court of
the Direct Action of Unconstitutionality – ADI 3239, against the Decree
4887/2003, regulating the demarcation and the entitling of the
quilombolas. The action will be decisive in the struggle for
effectuation of rights based on crucial principles, on sociopolitical
justice, and in the preservation of the history and the culture of this
people, really important for our history.

In 2004, exactly eight years ago, the Democratic Party (called DEM), put
in motion an action against the quilombolas communities, asserting that
the Decree 4887/2003, signed by the previous president, Luis Inacio Lula
da Silva, which regulated the process of quilombola afro descendant
rural communities land titling, was unconstitutional. Today, together
with reactionary people in the rural sector, the Party really intends,
at any cost, to approve the Direct Action of unconstitutionality – ADI 3239.

The quilombolas communities are ethnic groups (culturally distinct),
predominantly constituted for the black rural population, and they
define themselves from the relationships with the territory, kinship,
black ancestry, replete and connected with the resistance to the
historical oppression that they suffer, as the traditions and the
cultural practices belonging of this people. We have a patrimonial
alive, and we have the obligation to preserve the Brazilians history and
culture. It is indispensable.

The quilombolas communities have been struggling tirelessly for the
effectuation of their rights, recognized and insured for the Federal
Constitution of 1988, as the right to quilombola’s land demarcation and
titling and in this way, guarantee the right to land, more than that,
whatever, to the space where they can be able to put into practice their
culture – freely – planting, harvesting, and others things. And try to
remember: the land, moreover than importance for the economics scenery,
is the reflection of the memory, the autonomy and the identity!

Deciding for the right of Quilombolas, the STF will be doing justice to
the recognition of the rights attaching to such cultural and ethnic
identities of their own, linked to a history of struggle, oppression and
resistance. Only then can we move toward human rights promoting a
concept of a pluralistic society and guided by equality, and then give a
further step towards building a society in which diversity and pluralism
are the key for justice, solidarity and freedom.

After the Rapporteur Minister Peluso vote taking the Decree as
unconstitutional, on April 18, the Minister Rosa Weber requested further
analysis on the complexity of the case and returned to the presidency on
April 24, allowing the trial at any time to be incorporated.

The international community watches closely what the next vote in the
Supreme Court, certain that the rights of the Quilombolas in Brazil will
not suffer setbacks.

Sincerely,

_____________________________________

[Messico] La Jornada, Mercoledì 25 Aprile, 2012

Articolo di Octavio Velez Ascensio

24 Aprile. Mentre il governatore Gabino Cuè Monteagudo convocava tutti i settori della società per “costruire un accordo di concordia e governabilità” e rispondere alle costanti mobilitazioni, varie organizzazioni sociali e contadine, oltra ad abitanti di comunità della regione La Cañada e diversi genitori, hanno bloccato Martedì 24 Aprile svincoli autostradali, strade ed edifici pubblici per esigere una risposta alle loro richieste, fra cui: scuola, cliniche, appoggio economico per l’agricoltura, strade, energia elettrica e punizioni per i politici che considerano criminali.
Cuè Monteagudo ha detto in conferenza stampa che la sua proposta ha come obbiettivo “costruire insieme una migliore relazione d’armonia fra tutti i settori sociali e il governo statale”. “Dobbiamo impegnarci per cosrtuire un ambiente sicuro che contribuisca a migliorare l’immagine di Oaxaca ed in tal modo, stimolare nuovi investimenti, flusso turistico che crei posti di lavoro, dinamismo economico e una migliore qualità di vita”, segnalò.

Il governatore si è riunito con il Frente Obrero de Trabajadores de Oaxaca, con i dirigenti della Confederacion de Trabajadores de Mexico, con la Revolucionaria de Obreros Mexicanos, con la Federacion de Trabajadores al Servicio del Estado e con la Confederacion Regional de Obreros y Campesinos [NB. tutte organizzazioni affiliate al PRI]. Hanno pianificato, tra le varie cose, una riubicazione contro l’aumento del costo della vita, borse di studio per i figli dei lavoratori, corsi di formazione per il lavoro.
Intanto, membri del Consejo de Organicaciones Oaxaqueñas Autonomas (COOA) hanno occupato 30 autobus del servizio urbano e hanno bloccato la strada internazionale Cristobal Colon, nei pressi dell’Agencia Municipal Trinidad de Viguera, municipio di Oaxaca e nel municipio della periferia urbana di Santa Lucia del Camino, così come la Strada Federale 175 Ciudad Aleman-Puerto Angel, nell’accesso all’aereo porto Benito Juarez.
A loro volta, abitanti di San Andres Teotilalpan, nella regione della Cañada, hanno chiuso le entrate alla Ciudad Administrativa Benemerito de las Americas, sede del Potere Esecutivo Statale e la strada Cristobal Colon, per esigere una risposta al conflitto agrario che hanno con un vicino villaggio, San Juan Batista Tlacoatzintepec.
Da parte loro i genitori dei ragazzi della Primaria 21 Agosto di Oaxaca, hanno chiuso la Calzada Porfirio Diaz lasciando parzialmente senza comunicazione il Nord della città, per esigere che si ripari la scuola danneggiata dal sisma dello scorso Marzo.

MAPPA

Intifada per la dignita’ – 28 aprile Bologna

Da anni contestiamo la legge “Bossi-Fini” perché limita i diritti umani più elementari.

Non possiamo stare a guardare le nostre sorelle e fratelli umiliati e sfruttati nelle fabbriche, con la paura che il vento della crisi le trascini per poi trovarsi con il rischio della condanna al CIE e la rimpatrio (autopagato), magari dopo anni e anni di lavoro in Italia.

Altri sorelle e fratelli sono umiliati e sfruttati eppure ritengono un privilegio avere un contratto che li mette al riparo dal rischio della deportazione.

E’ il mondo degli operai fantasma, il mondo delle cooperative, visto con gli occhi di chi per restare è disposto a tutto. Ma questo tutto spesso è troppo caro, ad esempio quando all’operaio fantasma capita un incidente alla colonna vertebrale che lo tradisce: allora gli dicono “tu sei nulla, non sei idoneo, non c’è un posto idoneo per te”. Allora deve cercare di non far vedere ai “capi” le lamentele di un corpo giovane ma consumato, per non torvarsi privo di qualsiasi tutela, con una legge che li condanna perché non lavora e li mette alla porta usando i suoi soldi perché non serve alla produzione.

Senza parlare di queste donne, costrette a mettere il loro corpo a disposizione di chi promette loro il rinnovo del permesso di soggiorno.

Oggi il mercato parla la lingua della merce umana: tutto ha un costo e tutto è una legge e la legge va rispettata. Questa non è solo la precarietà, frutto della crisi del capitale, ma è anche violazione profonda del diritto umano. Per questo invitiamo tutti a sostenere questa “intifada dei diritti”.

CONTRO LA BOSSI-FINI

– PER L’UNITA’ DELLA CLASSE OPERAIA, SENZA DISTINZIONI DI NESSUN TIPO

– CONTRO IL “PACCHETTO SICUREZZA” ISPIRATO DALLA MENTE XENOFOBA

– PER UNA SICUREZZA SOCIALE BASATA SUI DIRITTI: DIRITTO ALLA DIVERSITA’, DIRITTO ALLA DIGNITA’, DIRITTI UMANI, DIRITTO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEGLI ESSERI UMANI

– PER IL TRASFERIMENTO DELLE COMPETENZE IN MATERIA DI SOGGIORNO DAL MINISTERO DELL’INTERNO AI COMUNI

MANIFESTAZIONE PRESIDIO DAVANTI ALLA PREFETTURA, SABATO 28 APRILE DAVANTI ALLA PREFETTURA ORE 10.00

iniziativa promossa dai lavoratori stranieri, con l’invito a tutte le realtà che credono nei diritti

Associazione Sopra i ponti (BO), associazione La jeunesse marocaine (BO), associazione Cominciamo insieme (Casalecchio di Reno), associazione Bangladesh community (BO), associazione nigeriani (BO), associazione Al ghofrane (BO), associazione Al Wasat (BO), associazione pakistana (BO), associazione As-siraj l Mounir (Sasso Marconi)

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

[Marocco] Viaggio 2012: Riassunto all’osso

Volendo condensare in davvero poche parole il viaggio fatto..
Ad Aglou l’internet point gratuito con SO xubuntu installato da noi l’anno scorso e gestito dall’associazione sportiva e culturale Ichaa Takafi, è aperto 2 volte a settimana, ci sono 2 ragazzi di 14 anni che gestiscono i pc e la comunità se ne dice soddisfatta. Il LUG (linux user group) Alis di Tiznit vi tiene inoltre dei corsi alla domenica.

Ad Akka le donne dell’associazione Tefaouine hanno usato e dato in utilizzo per scopi didattici i 5 portatili lasciati l’anno scorso fino a che 2 dei 3 maestri che abbiamo formato si sono trasferiti altrove. Si è perciò concordato e finanziato il viaggio del LUG di Tiznit che andrà a fare formazione ai maestri dell’educazione non formale, 3 fine settimana distribuiti da qui ad agosto, così che questi possano riprendere l’uso dei pc nelle classi.

A Bouzamma abbiam trovato i pc che avevamo installato l’anno scorso in una sala della Cooperativa inutilizzati e staccati, ci hanno detto ( e lo stato dei pc lo conferma :) ) che li hanno usati i bimbi delle elementari fino a che pian piano hanno smesso di funzionare tutti e 3. Ora li abbiamo riparati e abbiamo consigliato di dare una mano ai bimbi, ma ci rendiamo conto che è difficile visto che non c’è nessuno nella cooperativa capace di farlo. L’ anno scorso infatti la nostra visita si è sovrapposta a quella del loro cliente italiano Tenuta Colle Carello e gli adulti della cooperativa (Miriam, Zara,Ayoub) erano molto occupati, per questo la nostra formazione di base è stata necessariamente rivolta ai bambini. L’ idea era quella di fornire la comunità di una sala PC ad accesso gratuito posta all’interno della cooperativa. Ci hanno detto di avere bisogno di formazione perchè anche loro vorrebbero utilizzare meglio la sala e installarci anche una biblioteca. Abbiamo quindi concordato una formazione su XUBUNTU da fare a distanza che però è ancora da definire, anche perchè dobbiamo capire se possa essere davvero utile e fattibile.
A Bouzamma abbiamo anche lasciato le 3 bici che non sono state consegnate subito perchè al villaggio aspettano un carico di altre 40 biciclette dall’azienda Colle Carello che si definisce eco-equo-sostenibile e che in teoria reinveste parte degli utili dell Argan in progetti per la comunità. In realtà queste bici son state promesse da un po, quindi non si sa se arriveranno davvero ad aprile oppure no.
In ogni caso ci si tiene in contatto! Anche perchè appunto i 3 pc dovrebbero entrare nel progetto di una sala biblioteca all’interno della cooperativa ma questo è ancora tutto da definirsi.

Oltre a queste 3 tappe ci siamo ritagliati un fine settimana per partecipare alla “conferenza regionale sul podcasting per il giornalismo cittadino”, invitati dal LUG ALIS di Tiznit, abbiam fatto un intervento su che cos’è la rete nomads e uno sulla pubblicazione nel web usando strumenti liberi, quindi free software (mini workshop su kdenlive, video editor), formati aperti e licenze copyleft.

I grandi pregi di questo viaggio sono stati:
- gli spostamenti in autobus (tobis) e bicicletta, che ci hanno permesso di conoscere un sacco di persone e di fatti chiacchierando mentre scorreva la strada,
- l’estrema velocità decisionale, visto che eravamo in 3 :)
- buona suddivisione dei ruoli: PR, informatic@ e il documentarist@,
abbiam sentito un po la mancanza di qualche giocolier@ e di un traduttor@ per l’arabo, ma in generale siam andati benissimo!
Presi dalla smania del progetto non abbiamo mantenuto troppo gli occhi aperti sui media indipendenti che ci potevano tenere aggiornatri sulla situazione politica e
in particolare sulla repressione in atto nel nord del paese. (FORSE BISOGNO DI UNA FIGURA AD HOC NEI PROX PROGETTI ANCHE PER STARE AL PASSO COLL EDITING DEL MATERIALE DA POSTARE SUI SITI NOMADS ECC?)

I propositi in vista del prossimo anno sono:
- preparare una presentazione ad immagini di che cosa è e cosa vuol fare la rete Nomads
(- non lasciare più Bouzamma come ultima tappa perchè arriviamo sempre troppo stanchi)
- approfondire la conoscenza con alcune delle associazioni che abbiamo incontrato durante la conferenza a Tiznit e con altre realtà che condividano i nostri scopi e la nostra impostazione
- rivedere la tappa di Casablanca che quest’anno non è stata fatta ed informarsi sull’utilizzo dei PC che gli avevamo consegnato
- visitare Foum Zguid con un soggiorno breve per farsi una idea della situazione e poter progettare eventuali azioni
- Cercare contatti con realtà piu urbane
- rivedere i piani su Desert Ocean e sul turismo sostenibile perchè soprattutto al sud non sono ben chiari i fini del progetto

Ciao e al prossimo viaggio!

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

تيزنيت : تقنيات الاعلام والاتصال في خدمة التنمية

Video sull’incontro regionale dell’ 11 marzo a Tiznit!


GUARDALO QUI!

Sito Azadrar che ha realizzato il video [in arabo]

Accordi con Alis e workshop a Tiznit

Domenica 11 marzo eccoci invitati all’incontro regionale su “L’informazione locale al servizio dello sviluppo” organizzato da Alis e associazione Tanmia. Questo incontro ha come obiettivo quello di “iniziare una dinamica locale sulla questione dei media comunitari e della partecipazione dei giovani nel dibattito pubblico”. Obiettivi specifici: “iniziare dibattiti attorno alla questione delle TIC (Tecnologie per l’informazione e la comunicazione) e del podcast o meglio mediacast (media comunitari, Tic e sviluppo, aspetto giuridico e produzione), assicurare lo scambio delle esperienze e delle buone pratiche fra i giovani che fanno mediacast, mettere in luce l’utilità del mediacast e del giornalismo cittadino nella mobilizzazione, nell’avanzare richieste, nel cambiamento e nella promozione di pratiche di cittadinanza; valorizzare le produzioni dei giovani mediacasters e le esperienze delle associazioni in materia di TIC, fare il punto su argomenti di dibattito e richiesta locali. Durante la mattinata di interventi da parte di rappresentanti delle associazioni, fra cui un intervento di Alis sulla filosofia del Freesoftware, abbiamo presentato il progetto Nomads esplicitando gli intenti generali (cioè il sostegno per liberarsi dallo sfruttamento politico, militare, religioso o legato a questioni di genere e orientamento sessuale e al sistema neoliberista) e ripercorrendo in breve i vari progetti nel mondo e le tappe di quello marocchino del 2011.
Nel pomeriggio Cri ha tenuto un workshop sul programma di montaggio video Kdenlive mettendo l’accento sui metadata e sulla maggiore fruibilità e possibilità di scambio peertopeer che questi permettono. Il workshop è stato abbastanza seguito, anche se solo un gruppetto ha iniziato subito a sperimentare il programma installato. Ecco le slide in francese.
Alla sera ultimi accordi con Alis e consegna di 130 euri di rimborso spese cioè la benzina per tre viaggi Tiznit-Akka a/r in auto piu le spese di manutenzione. L’ass. Alis terrà ad Alkasbat-Akka alcuni week end di formazione sul sistema operativo GNU-linux rivolto a formatori dell’educazione non formale e alle donne dell’Associazione Tifawine, che ospiterà gli incontri nella propria sede e fornirà vitto e alloggio ai formatori.
I primi incontri di formazione si terranno il 14 e 15 aprile, quelli seguenti a luglio e Agosto. Dopo il primo, il lun 16 aprile abbiamo in programma una videoconferenza con Alis per scambiarci impressioni e calibrare meglio il seguito
Questo partenariato con Alis è quindi riuscito alla perfezione, come gia detto lo consideriamo il cuore e la quadratura del cerchio dei progetti 2011-2012; siamo veramente felicissimi di collaborare in Marocco con persone che condividono i nostri intenti.

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

[Marocco] Giorni di scontri nel nord del Marocco / Jours d’émeute dans le nord du Maroc

Pubblicato il 14 marzo su http://rebellyon.info/Jours-d-emeute-dans-le-nord-du.html

Da diverse settimane ormai, la regione di Beni Bouayache nel nord-est del Marocco, conosce forti “tensioni sociali”. Dalla scorsa settimana, gli eventi sono precipitati, e gli scontri si sono diffusi ad altre città (Nador, Tangeri, ecc.). Ecco alcuni link e informazioni aspettando qualcosa di meglio …

Beni Bouayache: gli scontri continuano e si diffondono, le reazioni si succedono

Dal momento dell’arresto di Bashir Benchaïb, attivista del movimento 20 febbraio, gli scontri a Beni Bouayache non si fermano, il braccio di ferro tra i manifestanti e le autorità è diventato quotidiano.

Secondo i testimoni, la polizia ha seminato il terrore fra la popolazione insultando e minacciando di stupro i cittadini se pensano di aderire al movimento di protesta.

La protesta si è diffusa a Imzouren ieri Domenica 11 marzo, dove i manifestanti volevano organizzare una marcia di solidarietà con Beni Bouayache. La repressione delle forze di stato ha disperso la folla. Ci sono stati feriti da ambo i lati, due auto sono state bruciate.
In seguito a questi scontri 10 persone sono state arrestate tra cui Driss Hassani, fratello di Kamal Hassani, che era un attivista del Movimento 20 febbraio della zona del Rif che è stato assassinato.

Secondo il sito Dalil Rif.com che ha trasmesso queste informazioni, lo Stato ha usato un elicottero per circoscrivere i movimenti dei manifestanti e per far fronte alla loro determinata resistenza.

Continuate a leggere su: Beni Bouayache: gli scontri continuano e la diffusione, le reazioni successive (video e foto) Beni Bouayache : les émeutes se poursuivent et se propagent,les réactions se succèdent (vidéos et photos) http://rifonline.net/news/?p=3765

Alcune informazioni disponibili anche sul sito Anthropologie du Present: Scontri a بني بو عياش Beni Bouayach (الحسيمة Al Hoceima) – 8-9-10 marzo 2012. Emeutes à بني بو عياش Beni Bouayach (الحسيمة Al Hoceima) – 8-9-10 mars 2012.

Per seguire gli ultimi eventi (e linkarli)tramite Twitter, tag # ® MediatizeRif

Il sito marocchino Mamfakich.com, animato da attivisti, lancia un appello contro il blackout mediatico. Molte informazioni sono disponibili in arabo, inglese o francese sul suo blog di notizie a ciclo continuo: http://24.mamfakinch.com/

Gli abitanti del Rif marocchino (Beni Bouayach, Imzouren, El Hoceima, ecc.) hanno appena sopportato alcuni giorni di repressione violenta. I residenti hanno riferito di casi di violenze, molestie e furti.

In questo clima di vergognoso blackout da parte dei media, che inoltre diffondono informazioni false, Lanciamo un appello a tutte le forze del paese e ai media stranieri per far luce su questi eventi e per garantire una copertura mediatica in questa regione.

Il regime marocchino ha dimostrato, ancora una volta, che il rispetto dei diritti umani non è una sua priorità, con o senza la nuova costituzione. Chiamiamo il nuovo governo ad assumersi le sue responsabilità e realizzare la promessa di rompere con le politiche del governo precedente. Nel tentativo di fornire una copertura consistente degli eventi, stiamo lanciando l’ “Operation Meditaize Rif” con follow-up 24/24 di quello che continua ad accadere in questa regione.

Leggi il seguito su : http://24.mamfakinch.com/mamfakinch-calls-fo

Jours d’émeute dans le nord du Maroc
Publié le 14 mars

Depuis plu­sieurs semai­nes, la région de Beni Bouayache au nord-est du Maroc, connaît de fortes « ten­sions socia­les ». Depuis la semaine der­nière, les événements se sont accé­lé­rés, et dif­fu­sés jusqu’à d’autres villes (Nador, Tanger, etc.). Quelques liens et infor­ma­tions en atten­dant mieux…

Beni Bouayache : les émeutes se pour­sui­vent et se pro­pa­gent, les réac­tions se suc­cè­dent (vidéos et photos)

Depuis l’arres­ta­tion de Bachir Benchaib, l’acti­viste du mou­ve­ment 20 février, les émeutes à Béni Bouayache n’ont pas cessé , le bras de fer entre les mani­fes­tants et les auto­ri­tés est devenu quo­ti­dien.

Selon les témoins, les forces de l’ordre ont pro­cédé a semer la ter­reur dans la popu­la­tion en insul­tant les citoyens et les mena­çant de viol si ils pen­sent à adhé­rer au mou­ve­ment pro­tes­ta­taire.

Le mou­ve­ment de pro­tes­ta­tion s’est pro­pagé à Imzouren hier diman­che 11 mars, où les pro­tes­ta­tai­res vou­laient orga­ni­ser une marche de soli­da­rité vers Beni Bouayache. La répres­sion des forces de l’état a dis­persé la foule. Des bles­su­res ont été enre­gis­trées dans les deux coté, deux voi­tu­res de l’état ont été bru­lées (voire vidéo). Suite à ces affron­te­ments 10 per­son­nes ont été arrê­tés dont Driss Hassani, le frère de Kamal Hassani, l’acti­viste rifain du Mouvement du 20 février assas­siné.

Selon le site Dalil-Rif.com qui a relaté l’infor­ma­tion, pour faire face à la résis­tance rude des mani­fes­tants, l’état avait uti­lisé un héli­co­ptère pour loca­li­ser leur mou­ve­ment.

La suite à lire sur : Beni Bouayache : les émeutes se pour­sui­vent et se pro­pa­gent,les réac­tions se suc­cè­dent (vidéos et photos)

Quelques infor­ma­tions dis­po­ni­bles aussi sur le site Anthropologie du Présent : Emeutes à بني بو عياش Beni Bouayach (الحسيمة Al Hoceima) – 8-9-10 mars 2012.

Pour suivre les der­niè­res événements (et les relayer), on peut regar­der du côté de Twitter® le tag #Me­dia­ti­ze­Rif

Le site maro­cain Mamfakich.com, animé par des acti­vis­tes, lance un appel contre le bla­ckout média­ti­que. Beaucoup d’infor­ma­tions sont dis­po­ni­bles, en arabe, anglais, ou fran­çais sur son blog d’infor­ma­tion en continu : http://24.mam­fa­kinch.com/

Les habi­tants de la partie maro­caine du Rif (Beni Bouayach, Imzouren, El Hoceima, etc.) vien­nent de sup­por­ter plu­sieurs jours de répres­sion vio­lente. Des habi­tants ont reporté des cas de vio­lence, har­cè­le­ment et de vol, entre autres.

Dans ce hon­teux bla­ckout média­ti­que, et la dif­fu­sion de dés­in­for­ma­tion, nous appe­lons toutes les forces dans le pays et les médias étrangers à faire la lumière sur ces événements et à assu­rer une cou­ver­ture média­ti­que de cette région.

Le régime maro­cain a montré, une fois de plus, que le res­pect des droits humains n’est pas une prio­rié, avec ou sans la nou­velle cons­ti­tu­tion. Nous appe­lons le nou­veau gou­ver­ne­ment à pren­dre ses res­pon­sa­bi­li­tés, et à concré­ti­ser sa pro­messe de rompre avec les poli­ti­ques du pré­cé­dent gou­ver­ne­ment. Dans une ten­ta­tive de four­nir une cou­ver­ture des événements consis­tente, nous lan­çons l’« Operation Meditaize Rif » avec un suivi 24 h / 24 de ce qui conti­nue de se dérou­ler dans cette région.

La suite à lire sur : http://24.mamfakinch.com/mamfakinch-calls-fo…r-the-end-of-the-media-bla
Forum associé à l’article

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

Report 9 marzo 2012

Per venerdi 9 marzo, ultimo giorno pieno ad Alkasbat abbiamo organizzato una cena con le donne di Tifawine e alcuni degli interessati alla formazione gratuita di Alis che si terrà nei prossimi mesi. Abbiamo preparato gnocchi, sugo di carne e ceci con verdure, aiutati verso la fine anche da Fatima e Khadija. A cena eravamo una quindicina e ci siamo allegramente rimpinzati chiacchierando e scoprendo che gnocchi con ceci sono un piatto tipico della cucina Amazirgh.
Dopo cena le donne hanno tirato fuori tamburi e tamburelli, momento musicale con repertorio locale, ci hanno poi chiesto di cantare canzoni nostre, loro ci hanno accompagnato con le percussioni e il risultato è stata una versione desertica di Bella ciao!
Alla fine ci siamo accordati per le future formazioni frutto della collaborazione fra Tifawine, Alis e Nomads. Noi ci occuperemo del rimborso spese di viaggio e Tifawine fornirà il vitto e la sede per l’alloggio dei formatori e per tenervi i corsi, che si terranno da Aprile in poi. Questi sono rivolti alle donne dell’associazione e ai formatori e formatrici dei corsi di educazione non formale che intendono restare ad Akka per qualche tempo, in modo da poter fare uso delle nuove conoscenze sul territorio. Per i corsi verranno usati alcuni computer dei partecipanti, a cui quindi potrà essere installato linux o essere partizionati, e i 5 laptop che abbiamo lasciato l’anno scorso; in questo modo anche i prof. che non hanno ancora usato linux e i pc “nomads” per le loro lezioni saranno spinti a usarli. Il giorno dopo ci siamo salutati e noi abbiamo pedalato fino ad Akka e preso il bus per Tiznit. Siamo sempre più convinti che questa scelta bici+bus sia la migliore, in termini di agilità, minori spese, minor impatto ambientale e anche di ricchezza di incontri fortuiti.

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!