Ci saranno mai nuove elezioni a Conakry?

La manifestazione del 18 aprile è stata organizzata riguardo la convocazione delle elezioni legislative per il 30 giugno, l’ultima data proposta era il 12 Maggio.

L’opposizione accusa il governo di aver rimandato la data con una decisione attuata in modo unilaterale. In vista della protesta le autorità hanno dispiegato quattromila uomini delle forze di sicurezza.

Almeno 15 persone sono rimaste ferite negli scontri tra manifestanti di opposizione e forze di sicurezza a Conakry.

Quattro persone, a detta del portavoce del governo, sono state ferite da proiettili « di origine ignota », mentre le altre sono rimaste ferite quando i manifestanti hanno lanciato pietre. Ancora ci tocca sentire queste baggianate invece che assuzioni di responsabilità.

Almeno un uomo è in condizioni critiche, nel pronto soccorso dell’ospedale Donka. Il cui portavoce dichiara: « Gli hanno sparato allo stomaco. Sta sanguinando ma non abbiamo i mezzi per curarlo ».

A chi dice che le nostre passate attività di alfabetizzazione informatica e corsi audio video sono inutili in un paese che muore di fame rispondo con la speranza che si possano generare reporter, necessari allo sviluppo culturale ma anche alla controinformazione, visto che ciò che traspare nella stampa internazionale è cosparso di ignoranza in merito ai fatti e bugie istituzionalizzate.

Manifestazioni, scontri e morte a Conakry

Si è svolta una manifestazione nella capitale Conakry, Mercoledì 27 Febbraio 2013, per chiedere uan totale trasparenza riguardo le prossime elezioni e per finalizzare la transizione con il precedente governo.

Le elezioni del 2010, che furono anche le prime elezioni democratiche, da cui è uscito vincitore Alpha Condè, sono state accusate di frode e si era parlato di nuove elezioni nel 2011 poi rimandate di continuo, l’ultima data proposta è per il 12 Maggio 2013. Continue reading

PIRATA all’Acrobax (Roma)

 

Dalle 19.00 proiezioni video « Tessendo Autonomie » a cura di Piattafoma LaPirata

Video della Marcia Zapatista del Silencio

Apericena messicana

Dalle 20.30 dibattito MEXICO EN REBELDIA insieme a: -Vittorio Sergi autore di  » il vento dal basso, nel Messico della rivoluzione in corso »

-Collegamenti dal Chiapas

- A seguire selezioni musicali a cura di La Esquina del Soul- ondarossa.info Continue reading

EZLN-Diciembre 2012 ¿Escucharon?

Il passato 21 dicembre, il movimento zapatista è riapparso pubblicamente in 5 municipi dllo stato del Chiapas. Senza dubbio questa mobilitazione pacifica è stata la dimostrazione pubblica più impressionante da quando nel 1994 erano entrati in scena. Il messaggio era chiaro e contundente: non sono mai andati via, non solo sono sopravvissuti come movimento, ma si sono fortificati a tutti i livelli di libera determinazione dei popoli indigeni. Il comunicato reso pubblico il 30 dicembre del 2012 ha illuminato il loro silenzio con una breve frase: « IL NOSTRO MESSAGGIO È DI LOTTA E RESISTENZA ».

[Mex-Articolo]Giornate Anticapitaliste a Cheran, 24, 25, 26, 27 di Maggio

L’Incontro Nazionale delle Resistenze Autonome Anticapitaliste
a Cheran, Michoacan.
Cronaca dell’incontro

Il sollevamento della comunità di Cheran K´eri, Michoacan, il 15 Aprile del 2011 e il processo di auto-governo in corso è fonte di ispirazione per molte persone, una forte resistenza da difendere e un’esperienza da cui apprendere. Per questo durante i giorni 24, 25, 26 e 27 maggio del 2012, circa 500 persone di 15 città del Messico e 11 paesi del mondo hanno costruito un accampamento nella periferia di questo paese purhépecha come partecipanti all’Encuentro Nacional de Resistencias Autónomas Anticapitalistas. L’idea era di sostenere la comunità di Cheran e condividere esperienze di costruzione dell’autonomia, possibilità di auto-organizzazione e modi di vivere in armonia con la natura.

Nelle vie del paese si sono sentiti, durante le tre manifestazioni svoltesi, gli slogan: “Cheran, fratello, il popolo ti da una mano!” “Cheran, amico, il popolo sta con te!”

Durante l’inaugurazione, il Consiglio Maggiore di Cheran ha dato il benvenuto alla gente riunita nella piazza principale e il tatá Jose Merced ha sottolineato che questa non è stata la prima volta che Cheran insorge. Già durante la rivoluzione messicana, Cheran si ribellò con le armi. “Ora nel nuovo governo popolare di Cheran, i K’eri sono i consiglieri di governo nominati dal popolo, facendo da parte i partiti politici e i dirigenti che hanno cercato solo di conquistare il potere. Ma questo a Cheran non succerà più! Vi riceviamo col cuore aperto, senza distinzione di età. Perché la gioventù la portiamo nel cuore… siamo giovani nel cuore e nell’anima; sempre giovani… siamo guerrieri e guerriere eterni”. Continue reading