Thanks to…

Nomads Guinea – Actual projects

Economical support and local teachers formation for Audio/video courses

Free Internet station

Cinemá ambulant free cineforum on african emigration topic

Donation of French schoolbooks

 

Who make the project possible

Nomads: Selforganized colletifs network of volountary workers self financed trought events in open spaces.

Notre Monde: no profit ngo, acrobatic dance school for homeless.

Junior Art Club: no profit ngo, Accra Ghana, partners in self financing events.

Tina Fan, Guinea Conakry.

Continue reading

Cinema Ambulant Party Benefit @köpi Berlin

Kaometric Soliparty for Nomads Guinée
Benefit for 2014′s projects in Guinea Conakry

Friday the 20th of September … @ Köpi Berlin

Line up :

Egon Frinz – Ambient (Cagliostro – DE)
Oxoa Necronauts – Necrostep (Kaometry – SP)
LLamatron – Warstep (Peace Off/Ruff/Kaometry – FR)
Itzi – Bouncing Tribe (Monotonsystem – DE)
Johnny Sideways – Industrial Hardtek/Hardcore (Kaotek Wreckords – UK)
Stazma The Junglechrist Idm/Breakcore (Peace Off/Acroplane – Fr)
Xeroderman – Idm/Breakcore (Kaometry/Mozyk/Sociopath rec – BE)
TaOuch – Hardtek (Kaometry – DE)

Video Installation by sansculotte (hirntrust)
Sound support by Monotonsystem

All graphics made by Dstry Trxh
http://www.facebook.com/ac3monitor

Contacts:
http://guinea.nomads.indivia.net/
www.kaometry.com

————————–————————–————–
Egon Frinz
https://soundcloud.com/egon-frinz

Oxoa Necronauts
https://soundcloud.com/kaometry/sets/necronauts-playlist
http://www.facebook.com/pages/Necronauts/280570991986497

LLamatron
Originally from the Breakcore scene, LLamatron is now claiming the Warstep term by producing a non-conventional hard dubstep music, savage and chaotic at the same time.
After a first EP, Mirror of War, on Accomodus, he joined the Peace Off label where his second EP, Ave Llama, came to life. Last fall, he started a new project with UK artist Gore Tech, and finished the soon-to-be-released Warhound EP on Rotator’s label.
His stunning rhythms and saturated bass will not leave you cold-hearted, but instead insufflate you a strong insane will to destroy your neighbor. enjoy life! – or survival?
https://soundcloud.com/llamatron
http://www.facebook.com/Llamatronmusic

Johnny Sideways
After making an impact on the UK’s underground scene around the turn of the century, Johnny made his vinyl début in 2003 on acid techno label Dirtbomb records, though by this time was already developing the harder, breakbeat infused tekno sound he would become renowned for, taking in influences from Hardcore Techno and the European Tribe/Hardtek sounds he was playing while DJ’ing for the legendary Desert Storm Soundsystem.
In 2005 he formed his own label Kaotek Wreckords, as an outlet for the hybrid sounds he and others were producing. Now having played countless livesets in destinations all over Europe, and a back catalogue spanning 10 years on labels such as Tekiteazy, Electrokanibal, Absolute Rhythm and more, Johnny Sideways chews up and spits out genres into a living wall of sound..improvised, upfront and engaging..a purists nightmare..and devastating on the dancefloor.
https://soundcloud.com/johnnysideways
http://www.facebook.com/Kaotekwreckords

Stazma The Junglechrist
If Breakcore is dead, then Stazma the Junglechrist is the resurrection!
Hailing from the same French stock as Monster X, Rotator and the infamous Peace Off imprint, Julien Guillot has been smashing up raves all across Europe since his first release on Peace Off in 2008 and is showing no signs of slowing down.
Having taken the early breakcore ethos of genre mashing and amen splicing, Julien delivers his sound of rave, gabber, jungle and dub with a modern, tight production that seems synonymous with the French these days.
As well as making a name for himself with releases on Meganeural, Structural Damage and Peace Off, it is Stazma’s live show which displays his work best. A frenetic, yet finely tuned assault on the senses.
“It’s really very energetic, efficient and has all the elements to both kick out your sissy friends out of the club and make the rest party till late after dawn. Stormy, ravy breakcore.” Nic (Ad Noiseam)
https://soundcloud.com/stazma-the-junglechrist
https://soundcloud.com/bankizz_label/stazma-bankizzs-frozen
http://www.facebook.com/StazmaTheJunglechrist

Xeroderman
Young belgian breakcore/IDM producer, Xeroderman started out in 2008.
Of influences going from the punk hardcore to the classical music, he participates in several compilations, spotted, among others, by labels Mozyk and Peace Off, and should soon bring out his first EP soon on Kaometry.
He’s slowly making his name and a place in the middle, and we can certainly believe that it is one of the most promising figures of the Belgian breakcore, to follow, thus, without moderation!
https://soundcloud.com/xeroderman
http://www.facebook.com/pages/Xeroderman/180443708718668

TaOuch
https://soundcloud.com/taouch/2013-03-29-soliparty-k-pi

 

Ci saranno mai nuove elezioni a Conakry?

La manifestazione del 18 aprile è stata organizzata riguardo la convocazione delle elezioni legislative per il 30 giugno, l’ultima data proposta era il 12 Maggio.

L’opposizione accusa il governo di aver rimandato la data con una decisione attuata in modo unilaterale. In vista della protesta le autorità hanno dispiegato quattromila uomini delle forze di sicurezza.

Almeno 15 persone sono rimaste ferite negli scontri tra manifestanti di opposizione e forze di sicurezza a Conakry.

Quattro persone, a detta del portavoce del governo, sono state ferite da proiettili “di origine ignota”, mentre le altre sono rimaste ferite quando i manifestanti hanno lanciato pietre. Ancora ci tocca sentire queste baggianate invece che assuzioni di responsabilità.

Almeno un uomo è in condizioni critiche, nel pronto soccorso dell’ospedale Donka. Il cui portavoce dichiara: “Gli hanno sparato allo stomaco. Sta sanguinando ma non abbiamo i mezzi per curarlo”.

A chi dice che le nostre passate attività di alfabetizzazione informatica e corsi audio video sono inutili in un paese che muore di fame rispondo con la speranza che si possano generare reporter, necessari allo sviluppo culturale ma anche alla controinformazione, visto che ciò che traspare nella stampa internazionale è cosparso di ignoranza in merito ai fatti e bugie istituzionalizzate.

Manifestazioni, scontri e morte a Conakry

Si è svolta una manifestazione nella capitale Conakry, Mercoledì 27 Febbraio 2013, per chiedere uan totale trasparenza riguardo le prossime elezioni e per finalizzare la transizione con il precedente governo.

Le elezioni del 2010, che furono anche le prime elezioni democratiche, da cui è uscito vincitore Alpha Condè, sono state accusate di frode e si era parlato di nuove elezioni nel 2011 poi rimandate di continuo, l’ultima data proposta è per il 12 Maggio 2013.

Durante la manifestazione sono morte almeno 3 persone, circa 200 i feriti tra cui anche militari. Una di queste morti è ambigua, probabilmente dettata da odio razziale, l’esercito ha sparato su un adolescente che stava camminando da solo lontano dalla zona degli scontri. La popolazione è rimasta delusa dalla soluzione violenta che questo governo “democratico” ha scelto di attuare, mantenendo la stessa linea delle precedenti dittature. Gli scontri di conseguenza sono proseguiti nei giorni seguenti, con scene di violenza registrate in alcuni mercati e sulle strade principali. Da Sabato i principali mercati della capitale sono quasi completamente chiusi. Oggi sono stati registrati nuovi scontri a Enville e nel principale mercato cittadino Medina. Il numero dei morti è salito a 5.

 

Vi segnaliamo una rassegna stampa dei fatti che stanno accadendo a Conakry

Lingua inglese:

http://www.france24.com/en/20130302-clashes-continue-guinea-despite-calls-calm

http://www.miamiherald.com/2013/03/04/3265934/guinea-attacks-on-2-private-radio.html

Lingua francese:

http://www.lejourguinee.com/index.php/fr/nouvelles/politique/950-guinee-conakry-renoue-avec-la-violence

http://www.guineeconakry.info/index.php?id=118&tx_ttnews[tt_news]=12698&cHash=17af5b266bdb0a5c29125487612ce385

30-1-2013 Nomads Africa @ Zielona Gora

Nomads
Internationalism and grassroots cooperation
20.00 Uhr: Vokü (vegane Solipizza)
21.00 Uhr: Nomads Africa präsentiert “Cinéma Ambulant Projet” (Travelling Cinema Project)
21.30 Uhr Doku: “Donka, Radioscope d’un hopital africaine” (Guinea 1997, Thierry Michel, 59 Min., frz. m. engl. UT) – Donka Hospital in Conakry, Guinea – the largest public hospital in the country – is similar to many African hospitals. Built in 1959 just before independence, it was designed based on a European model, with little consideration for the realities of Africa. The most important hospital in the country, its plight typifies the crisis affecting the entire African health sector. Over the years the hospital has accumulated substantial debt that neither the Guinean state nor international agencies will pay. Compelled to develop its financial autonomy, the hospital enforces a pay-as-you-go policy. This financial strategy is rigorously applied, but at a high human cost. In this hospital of last resort, families strive to save a child or parent, but without money, there are no drugs and little chance for survival. Revenues rise, but access to treatment diminishes.As we follow the floor-to-floor progress of patients, their families, doctors and nurses, portraits alternate to form a living chronicle where tragedy meets hope.

 

2. November Nomads Soliparty Berlin

Soliparty for Nomads Projects in Mexico and Guinée

22:00 h Vegan Voeku
2 dance floor
Konzerte:
The feminist (Psichedelic Rock);
Ingrid und nachts kein secret (Experimentelle Muzik);
Continuous Variation ( Ensemble for french horn, flute, live electronics and dance);
Djset:
.-.-. Soupe Total Animal .-.-.
The Bottle Boys (African Middle East & South American Tunes)
DJ Dolphins on Earth (Shadow Asiatic Dirty Garage) ,
The Dirty Immigrants (Dirty Salsa Gangsta Dubbafunk),
DJ Dolor (Caribbean Freaks);
Radarfilm (Fantomton Post Acid)Vj: Graedde;
Installations: Fattidarte, Headsquatter;
Cabaret: Roc_roc_it, Wireless 3.11;Nomads info stand

Historical Background

La Repubblica di Guinea è uno stato dell’Africa occidentale, nella fascia subsahariana tra Senegal e Sierra Leone.

I portoghesi furono i primi a giungere in Guinea, nel XV secolo, aprendo la tratta degli schiavi, spopolando la nazione e associando a questa zona il triste nome di Costa degli Schiavi

Ex colonia Francese, fu occupata nel 1890, ha raggiunto l’indipendenza per consultazione referendaria nel 1958; la Francia non reagisce in maniera diplomatica al referendum e lascia il paese su due piedi, senza fare formazione alla prossima generazione di burocrati, lasciando il paese in uno stato di confusione, da allora fino al 2010 si sono susseguiti 3 governi retti dittatorialmente.

Dapprima Ahmed Sékou Tourè, al governo per 27 anni sino al 1984, non rispettoso dei diritti umani e libertà d’espressione, realizzò una forte dittatura mediatica e fece imprigionare gli oppositori presunti o effettivi in gulag. Nonstante fosse un dittatore ha risollevato l’economia e la dignità guineana nazionalizzando strutture e fondando i balletti nazionali come rinascita culturale per ripartire dalla tradizione.

Alla morte di Tourè venne istituito un governo tecnico di transizione subito rovesciato da un altro colpo di stato da parte di Lansana Contè, il suo governo non migliora le cose anzi, la corruzione aumenta, la povertà e la repressione continuano.
Nel gennaio 2007 c’è stato un mese di proteste a livello nazionale, che ha portato migliaia di guineani in piazza a protestare contro il presidente e il suo lunghissimo mandato. Le proteste si sono fermate dopo forti scontri tra manifestanti e polizia, che hanno causato circa 90 morti e 300 feriti.
Il presidente guineano invece di ascoltare il malcontento indice un coprifuoco di 20 ore su 24 su tutto il territorio nazionale, nell’ambito dello stato di assedio decretato per un mese.

Alla morte del dittatore continua la tradizione “ho il fucile quindi comando io” e l’esercito guineano attua un colpo di stato con il quale il Capitano Moussa Dadis Camara, si pone alla guida dello stato, annunciando le elezioni per il 2010.
Nel 2009 Moussa Dadis Camara si presenta per le elezioni dell’anno successivo, il paese non accetta l’affronto di una candidatura democratica da parte di un tiranno, e scende novamente e massicciamente in piazza. Il governo seda la manifestazione nel sangue, causando 157 morti, migliaia di feriti ed incentivando i militari allo stupro razziale, le famiglie colpite si costituiscono parte civile ma il processo svoltosi nel 2012 non le rende giustizia, il popolo risponde al verdetto attraverso sciopero bianco, i servizi sono ridotti ma invece di scendere in piazza si rimane a casa.

Ma la violenza e l’ingiustizia non possono nulla contro il malcontento della popolazione e nel novembre 2010 per la prima volta dopo più di 50 anni si sono svolte elezioni giudicate relativamente libere e trasparenti, anche se parlando con la gente sembra che il loro voto non sia stato dato in base al programma, ma più in base all’etnia, dimostrando di non avere una coscienza politica sviluppata. Da queste elezioni esce vincitore il leader del partito d’opposizione Alpha Condè. L’attuale presidente, ex partigiano contro il colonialismo francese, nel settembre 2001 fu arrestato dal governo Tourè come principale membro dell’opposizione.

Condè promette una riqualificazione delle strutture pubbliche, luce e strade in un piano quinquennale ed ha inserito ministeri che prima non esistevano come quello della cultura.

kitili, tipica brocca guineana usata per lavarsiLa sua storia fa di lui una speranza di giustizia per la popolazione guineana che lo supporta con entusiasmo, vengono indossati tessuti stampati con il suo nome e ritratto ancora oggi, anche se una parte della popolazione si è già stufata di aspettare un futuro migliore, non vedendo grandi miglioramenti immediati.

In sostanza quello che ancora manca è un piano per lo sfruttamento geo idrico, visto che con 1300 fiumi di acqua ce ne è a volontà, ma per la mancanza di infrastrutture la città di Conakry ancora soffre del razionamento dell’acqua.

Esiste invece un piano per la distribuzione dell’energia elettrica, anch’essa razionata e paradossalmente distribuita a tutti contemporaneamente nel periodo della Coppa d’Africa quando il governo, in caso la Guinea giochi, fornisce energia a tutta la capitale! Per la Coppa d’Africa 2012 una sola partita non è stata visibile in alcune zone della città.

La Guinea non è riconosciuta come stato dall’Italia che non ha un ambasciata presente sul territorio, rendendo difficill il rilascio dei visti che devono passare per l’ambasciata francese.
Le condizioni economiche della Guinea sono molto precarie: circa il 50% dei guineani vive sotto la soglia di povertà, nonostante il paese possieda i 2/3 delle riserve mondiali di bauxite (che serve a produrre l’alluminio), oro, uranio, diamanti, pietre preziose ed enormi potenzialità agricole, l’ingordigia e la corruzione della classe benestante fagocita tutto il profitto del mercato.

La Guinea non esce sui giornali europei, la sua storia è stata fatta di proteste e scritta col sangue, eppure i nostri giornali non se ne curano, dato il suo tasso di povertà e la bassa incisione nel mercato. Ed allora sta a noi, che invece del mercato guardiamo agli uomini, fare controinformazione.

Programma corso Audio / Video

Module 1 INTRODUTION Qu’est-ce qu’est l’image ? LES PRINCIPAUX ÉLÉMENTS DU CAMÉSCOPE ET LEUR MODE D’EMPLOI

Module 2 LANGAGE AUDIO-VISUEL EXERCICES

Module 3 SON : INTRODUTION ET SON POUR LES CAMÉSCOPE

Module 4 PARAMÈTRES DE PRISE DE VUE EXERCICES

Module 5 MICROPHONES, FORMATS DES FILES ET TRAVAILLER AVEC EUX

Module 6 ANGLES ET POSITIONS POUR LES PRISES DE VUE EXERCICES

Module 7 RACONTER UNE ACTION EXERCICES

Module 8 INTRODUTION AU PC IMPORTER UNE VIDÉO

Module 9 TÉLÉCHARGER SUR INTERNET ET COMPRESSIONS POUR LE DVD

Module 10  RÉALISATION D’UNE IDÉE

Doni doni Djembefola film documentario

“Doni doni Djembefola’
(“Piano piano diventerete dei percussionisti”)
Nel villaggio di Koumana Bangali e Moussa stanno imparando i segreti delle percussioni della tradizione Hamanah dal maestro Nankoria Amadou.
Yakhouba Dabo, giovane percussionista di Conakry, arriva a Koumana durante un viaggio alla ricerca dei ritmi tradizionali.
L’incrocio dei loro destini e’ l’incrocio di villaggio e citta’, in cui tradizione e modernita’ si intersecano e vengono messi a confronto.
Un film di Chiara Morcelli e Andrea Rovelli
Una produzione Guembanara
Fonico di presa diretta Fabio Bugugnoli
Postproduzione audio Nicola Bertoli
Doni doni, colore, 54 min Guinea Conakry,2010

 

Nomads Guinea nasce dal primo viaggio nel 2008, con l´incontro con l´associazione culturale Notre Monde e la realizzazioner di questo documentario.

L´associazione Notre Monde ha iniziato il progetto “Cinema Ambulant” (Cinema Itinerante) a cui contribuiremo portando dei materiali e dei film. Il progetto si pone l´obbiettivo di diffusione culturale, attraverso le proiezioni, per ogni classe sociale in luoghi dove il cinema e´ un lusso per pochi.