[Marocco] Viaggio 2012: Riassunto all’osso

Volendo condensare in davvero poche parole il viaggio fatto..
Ad Aglou l’internet point gratuito con SO xubuntu installato da noi l’anno scorso e gestito dall’associazione sportiva e culturale Ichaa Takafi, è aperto 2 volte a settimana, ci sono 2 ragazzi di 14 anni che gestiscono i pc e la comunità se ne dice soddisfatta. Il LUG (linux user group) Alis di Tiznit vi tiene inoltre dei corsi alla domenica.

Ad Akka le donne dell’associazione Tefaouine hanno usato e dato in utilizzo per scopi didattici i 5 portatili lasciati l’anno scorso fino a che 2 dei 3 maestri che abbiamo formato si sono trasferiti altrove. Si è perciò concordato e finanziato il viaggio del LUG di Tiznit che andrà a fare formazione ai maestri dell’educazione non formale, 3 fine settimana distribuiti da qui ad agosto, così che questi possano riprendere l’uso dei pc nelle classi.

A Bouzamma abbiam trovato i pc che avevamo installato l’anno scorso in una sala della Cooperativa inutilizzati e staccati, ci hanno detto ( e lo stato dei pc lo conferma :) ) che li hanno usati i bimbi delle elementari fino a che pian piano hanno smesso di funzionare tutti e 3. Ora li abbiamo riparati e abbiamo consigliato di dare una mano ai bimbi, ma ci rendiamo conto che è difficile visto che non c’è nessuno nella cooperativa capace di farlo. L’ anno scorso infatti la nostra visita si è sovrapposta a quella del loro cliente italiano Tenuta Colle Carello e gli adulti della cooperativa (Miriam, Zara,Ayoub) erano molto occupati, per questo la nostra formazione di base è stata necessariamente rivolta ai bambini. L’ idea era quella di fornire la comunità di una sala PC ad accesso gratuito posta all’interno della cooperativa. Ci hanno detto di avere bisogno di formazione perchè anche loro vorrebbero utilizzare meglio la sala e installarci anche una biblioteca. Abbiamo quindi concordato una formazione su XUBUNTU da fare a distanza che però è ancora da definire, anche perchè dobbiamo capire se possa essere davvero utile e fattibile.
A Bouzamma abbiamo anche lasciato le 3 bici che non sono state consegnate subito perchè al villaggio aspettano un carico di altre 40 biciclette dall’azienda Colle Carello che si definisce eco-equo-sostenibile e che in teoria reinveste parte degli utili dell Argan in progetti per la comunità. In realtà queste bici son state promesse da un po, quindi non si sa se arriveranno davvero ad aprile oppure no.
In ogni caso ci si tiene in contatto! Anche perchè appunto i 3 pc dovrebbero entrare nel progetto di una sala biblioteca all’interno della cooperativa ma questo è ancora tutto da definirsi.

Oltre a queste 3 tappe ci siamo ritagliati un fine settimana per partecipare alla “conferenza regionale sul podcasting per il giornalismo cittadino”, invitati dal LUG ALIS di Tiznit, abbiam fatto un intervento su che cos’è la rete nomads e uno sulla pubblicazione nel web usando strumenti liberi, quindi free software (mini workshop su kdenlive, video editor), formati aperti e licenze copyleft.

I grandi pregi di questo viaggio sono stati:
- gli spostamenti in autobus (tobis) e bicicletta, che ci hanno permesso di conoscere un sacco di persone e di fatti chiacchierando mentre scorreva la strada,
- l’estrema velocità decisionale, visto che eravamo in 3 :)
- buona suddivisione dei ruoli: PR, informatic@ e il documentarist@,
abbiam sentito un po la mancanza di qualche giocolier@ e di un traduttor@ per l’arabo, ma in generale siam andati benissimo!
Presi dalla smania del progetto non abbiamo mantenuto troppo gli occhi aperti sui media indipendenti che ci potevano tenere aggiornatri sulla situazione politica e
in particolare sulla repressione in atto nel nord del paese. (FORSE BISOGNO DI UNA FIGURA AD HOC NEI PROX PROGETTI ANCHE PER STARE AL PASSO COLL EDITING DEL MATERIALE DA POSTARE SUI SITI NOMADS ECC?)

I propositi in vista del prossimo anno sono:
- preparare una presentazione ad immagini di che cosa è e cosa vuol fare la rete Nomads
(- non lasciare più Bouzamma come ultima tappa perchè arriviamo sempre troppo stanchi)
- approfondire la conoscenza con alcune delle associazioni che abbiamo incontrato durante la conferenza a Tiznit e con altre realtà che condividano i nostri scopi e la nostra impostazione
- rivedere la tappa di Casablanca che quest’anno non è stata fatta ed informarsi sull’utilizzo dei PC che gli avevamo consegnato
- visitare Foum Zguid con un soggiorno breve per farsi una idea della situazione e poter progettare eventuali azioni
- Cercare contatti con realtà piu urbane
- rivedere i piani su Desert Ocean e sul turismo sostenibile perchè soprattutto al sud non sono ben chiari i fini del progetto

Ciao e al prossimo viaggio!

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

تيزنيت : تقنيات الاعلام والاتصال في خدمة التنمية

Video sull’incontro regionale dell’ 11 marzo a Tiznit!


GUARDALO QUI!

Sito Azadrar che ha realizzato il video [in arabo]

[Marocco] Report 28 e 29 febbraio

Martedi 28 febbraio lo sparuto gruppo di Nomads Marocco ha raggiunto la comunità rurale di Aglou tramite bus e bici, qui siamo stati accolti alla cooperativa Spinoza di produttrici di olio di Argan (ex associazione Tamounte) e con loro e un membro dell’ associazione Ichaa Takafi, dove ha sede il laboratorio informatico, ci siamo accordati sulle attività dei prossimi giorni.

Ci hanno spiegato che l’ Internet Point è aperto al pubblico 2 volte a settimana, il mercoledi e il sabato mattina, con responsabili 2 ragazzi di 15 anni. La domenica mattina inoltre, il Linux User Group Alis di Tiznit tiene un corso, che per ora purtroppo non è molto partecipato. I membri di Ichaa Takafi hanno installato la rete e acquistato delle belle scrivanie per ogni pc, inoltre hanno recuperato 3 pc trashware che Cri cercherà di riparare e reinstallare.


La nostra intenzione è quella di passare piu tempo possibile nei locali di quest ultima associazione, in modo da creare un clima informale ma creativo e proficuo con le persone che fruiscono della sala.
Ieri 29 febbraio abbiamo perciò preparato gnocchi freschi e frittata per 15 persone e abbiamo organizzato una cena all’associazione con ragazzi e ragazze che hanno partecipato ai nostri corsi nel 2011, altri che usano l’ internet point e alcune donne di Spinoza. Dopo cena abbiamo passato del tempo a guardare foto dell’anno scorso, a navigare a chiaccherare e a ridere.
Oggi abbiamo in programma una proiezione dei filmati delle varie tappe dell’anno scorso alla Coop. Spinoza e domani a Ichaa Takafi, sabato sera poi ci incontereremo con il LUG Alis per parlare dei progetti in corso e per proporgli una collaborazione futura per le formazioni Linux nei villaggi piu isolati.
La coop Spinoza ha poi chiesto al nostro fotografo Ale di scattare le fotografie per le nuove etichette; stiamo pensando anche di cercare di aiutarle, tramite i nostri blog, a pubblicizzare il loro olio, visto che hanno dovuto cambiare sede e l’affitto è raddoppiato.
Alcune donne di Spinoza e altre signore stanno partecipando a gruppi di alfabetizzazione simili ai corsi di educazione non formale che abbiamo conosciuto ad Akka; anche la maestra fa parte di Spinoza. Abbiamo visto le studentesse molto impegnate in questi corsi, che sono in parte finanziati dall’ Unesco e dal governo USA, a cui interessa l’emancipazione femminile nell’ ottica dell’ adesione dei marocchini a modelli consumistici.

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

Progetto Nomads Marocco 2012

Il comune di Aglou si trova in zona costiera ad una quindicina di kilometri dalla cittadina di Tiznit, capitale berbera dell argento a sud di Agadir . Da qualche anno si é assistito in queste zone a una cementificazione delle coste e uno stravolgimento del territorio legato all espandersi di un certo tipo di turismo che vorrebbe definirsi prestigioso . Questo fenomeno é evidente dalla struttura di Aglou, che è composto da 5 villaggi, di cui 4 veramente abitati e un quinto, Aglou plage, che é un sobborgo turistico composto da villette e camping e frequentato stagionalmente da turisti marocchini delle città del nord e da europei .

Le persone di Aglou lavorano localmente con la pastorizia e l agricoltura (fra cui le cooperative femminili legate all Argan), la pesca, le istituzioni (insegnamento) e il turismo, alcuni e alcune lavorano nei servizi a Tiznit, altri ricevono le rimesse dei membri della famiglia emigrati ; diciamo che é abbastanza evidente la differenza di ceto sociale e accesso a cultura e nuove tecnologie che queste diverse fonti di reddito comportano, anche a livello di divisione dei ruoli rispetto al genere. Ad esempio, nella fascia di età compresa fra i 13 e i 20 anni, i figli degli insegnanti o degli impiegati hanno pc e connessione internet a casa e la sanno utilizzare, gli altri no. Prima dell installazione della sala pc presso l associazione ichaa taakafi non c erano internet point pubblici se non in città, dove sono visti come luoghi di perdizione e fruizione di porno .
Sul territorio sono presenti diverse associazioni di cui alcune hanno un impostazione istituzionale o legata alla religione, altre sono prettamente culturali ; ci sono poi due cooperative femminili nate sull onda del fenomeno dell olio di Argan
La nostra azione in questi luoghi ha avuto 3 obiettivi a cui quest anno se ne é aggiunto un quarto ;
1/installare con i pc trashware portati da noi una sala pc presso l associazione culturale locale Ichaa Takafi, la quale ha poi fornito la connessione a internet (a prezzo di favore visto che il vicepresidente lavora per maroc telecom). Ichaa Takafi si é anche impegnata a garantire accesso libero alla sala e a organizzare corsi gratuiti o a prezzi accessibili con la collaborazione dell associazione Alis di Tiznit, cioé il linux user group locale
2/ Aumentare le competenze informatiche in modo da fornire strumenti per raccontare il proprio territorio anche nell ambito della ricerca di un alternativa ad un economia ed a un turismo distruttivo del territorio, rivitalizzando anche lo scambio di informazioni fra la rete di villaggi legata al progetto desert ocean .
A livello molto ampio e allo stato attuale delle cose, quasi utopico, vorremmo fornire strumenti informatici, quindi legati alla diffusione di informazioni, per lo sviluppo di un economia e uno stile di vita che sleghi la comunità dalle logiche dello sfruttamento capitalistico in loco di spazi risorse e persone (sostegno a progetti di turismo sostenibile e cooperative femminili) e dell emigrazione ;
3/dare accesso a conoscenze informatiche e alla rete anche alle persone che ad Aglou ne erano estromesse, quali nello specifico giovani donne di famiglie meno abbienti, che tra l altro ce ne hanno fatto precisa richiesta. In questo caso una sfida é stata la distruzione del binomio internet=facebook .
In generale abbiamo visto come la fruizione della rete e dellinformatica sia percepita in maniera prevalentemente commerciale e consumistica, superficiale e fintamente attiva (microsoft, facebook you tube)e abbiamo voluto fornire un alternativa, parlando quindi di sistemi liberi e propietari, dell utilizzo dei dati personali a fini pubblicitari, dello smaltimento dei rifiuti elettronici ;
A livello di programmi, siamo partiti dai programmi piu elementari di xubuntu per arrivare ad un infarinatura di wordpress . KIKI SPECIFICA !!!!!!!!!!!!!!!!
4/ Per quest anno vorremmo conoscere in maniera piu approfondita l associazione Alis in modo da arrivare ad una collaborazione nell ambito della formazione su linux in altri villaggi, quali ad esempio quelli dell oasi di Akka ; qui, a causa della pesante emigrazione, le donne gestiscono la società senza per questo avere maggior accesso a cultura e tecnologie . Vorremmo arrivare a fornire competenze per permettere loro di far sentire la loro voce sul loro stile di vita, sulle associazioni femminili che hanno creato, sulla ricerca di economie alternative alla logica emigrazione-rimessa .
L anno scorso, su richiesta di alcune insegnanti che gestiscono corsi di educazione non formale per giovani donne costrette ad abbandonare gli studi, abbiamo dato un infarinatura di informatica base scontrandoci con problemi linguistici e legati alla nostra poca disponibilità di tempo .
L idea sarebbe di coinvolgere Alis, i cui membri parlano la stessa lingua parlata qui, il Tashelhit, a fare formazione in questa e altre zone .

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!

[Marocco] Partenza!

Come preannunciato quest’anno il gruppo nomads marocco è molto ristretto ma con tantissime cose da fare!
Siamo partiti in tre il 27 febbraio da Malpensa con a seguito tre biciclette che verranno in ultima tappa donate alla comunità di Bouzamma.
Quindi arrivati all’areoporto di Marrakech abbiam montato le “temporaneamente nostre” biciclette e siamo andati a ritrovare la città, che ci ha dato il consueto e rumoroso benvenuto.

Un nostro sentitissimo GRAZIE alla Ciclofficina Ampioraggio di Bologna che ha raccolto le bici donate per il progetto ed aggiustate a puntino.
Logicamente l’imprevisto è sempre in agguato ed appena superata la prima curva dopo l’areoporto ci siam trovati con una gomma a terra!
Ma grazie alla partecipazione di un meccanico vicino e il kit riparazione che i ciclofficini ci hanno donato per il viaggio, siamo riusciti in un’oretta a cambiare la valvola della camera d’aria e a pedalare verso la città, dove ci siamo riforniti delle ultime cose utili per il viaggio!

2° giorno!
Partenza alle 8:00 in autobus alla volta di Tilznit, dopo lunghe contrattazioni per i biglietti e per caricare le 3 biciclette nel portabagagli, abbiam spuntato il prezzo di 330 dirham per 3 persone e 3 bici.
Il trasporto in autobus è durato 6 ore, a Tilznit ci siam rifocillati e in sella abbiam coperto gli ultimi 11 km che ci dividevano da Aglou!
A presto il programma per questa tappa!

Rimanete sintonizzati!!
a prestissimo le foto

NomadsMarocco

Visita l’articolo su NomadsMarocco!